NewsPrimo Piano

L’allarme lanciato dal procuratore aggiunto Tiziana Siciliano non solo e’ sacrosanto ma anche corretto. Una denuncia al giorno e’ una patologia preoccupante del nostro sistema sia sanitario che giurisdizionale. La legge che porta il mio nome serve proprio a rispondere a questa deriva garantendo sia il cittadino e il suo diritto a una giustizia equa, certa e veloce sia il medico a non divenire vittima di pretese infondate e pretestuose. Purtroppo chi oggi deve dare gambe a quelle norme non lo sta facendo. Sarebbe interessante chiedere al vicepremier Di Maio e alla ministra Grillo perche’ continuano a tener fermo nei cassetti dei loro ministeri i decreti attuativi della legge Gelli. Un atteggiamento irresponsabile perche’ rischia di svuotare una normativa innovativa che abbiamo costruito assieme ai professionisti della sanita’ e alle loro organizzazioni e assieme alle associazioni dei cittadini e dei pazienti.