NewsPrimo Piano

Le liste d’attesa sono una delle sfide importanti del nostro servizio sanitario pubblico. Ne parlo a Pisa giovedì 27 giugno alle ore 18, presso le Officine Garibaldi, in via Vincenzo Gioberti 39, con il direttore della direzione regionale “Diritti di cittadinanza e coesione sociale” Carlo Rinaldo Tomassini, autore del libro “Liste di attesa in sanità. La soluzione dell’Open access”, pubblicato da Il Pensiero Scientifico Editore. Si tratta del primo evento in Toscana promosso dalla Fondazione Italia in Salute di cui sono fondatore e presidente.
All’incontro di presentazione del libro interverranno il presidente dell’Ordine dei Medici di Pisa Giuseppe Figlini, la direttrice generale dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana Silvia Briani e la direttrice generale dell’Azienda Usl Toscana Nord Ovest Maria Letizia Casani.

Nel suo libro, Tomassini ci presenta i risultati del sistema “open access” sperimentato nell’AOU pisana e nell’Azienda Usl Toscana Nord Ovest, che ha consentito di ridurre i tempi di attesa a 3 giorni per un numero importante di visite specialistiche ed esami diagnostici, in grado di soddisfare in un solo anno 100mila pazienti. Un risultato eccellente ottenuto senza aggravare i costi di bilancio dell’organizzazione, grazie al lavoro di squadra tra l’azienda ospedaliera, quella territoriale, l’Ordine dei Medici, il privato accreditato e i medici di famiglia. In altre parole tutto il sistema sanitario di un territorio.
Questo dimostra quanto, ancora una volta, la nostra sanità toscana guarda con attenzione alla gestione del modello organizzativo, all’investimento delle risorse umane e al contempo all’innovazione tecnologica. In una delle mie precedenti newsletter avevo già segnalato una modalità di risposta concreta al problema delle liste d’attesa adottata lo scorso anno dalla Regione Toscana (leggi qui) che, anche in questo caso, ha visto il coinvolgimento delle strutture sanitarie toscane.

La presentazione del libro sarà l’occasione per parlare dell’open access, del suo grado di esportabilità, del Piano nazionale delle Liste d’attesa 2019-2021 varato nello scorso febbraio. Tanti sono quindi gli spunti che offre questo libro e che affronteremo insieme giovedì 27 giugno.
Qui puoi scaricare l’invito, mentre per conoscere l’attività della Fondazione Italia in Salute clicca qui