Rossi vuole riaccendere quei caminetti che Renzi ha spento

Enrico Rossi preferisce ritornare al punto di partenza, ristabilire l’ordine attraverso gli accordi fra capi corrente davanti ai caminetti, appoggiandosi a quelle stesse persone che non aspettavano altro che la caduta di Renzi per ritornare alla loro ‘routine’: lavorare per mantenere l’immobilismo totale del Paese. Lo stesso immobilismo che sta soffocando la Toscana. Sì perché, è bene dirlo ora, da due anni la Regione è la vera vittima del disegno politico del governatore, immerso com’è in una campagna elettorale per la segreteria, già persa ma che porta avanti imperturbabile. Matteo Renzi può aver commesso errori in oltre mille giorni di governo, ma riportare in auge un sistema fallimentare come quello del passato non è certo la soluzione. Ed Enrico Rossi non rappresenta certo il nuovo. Non solo: oggi più che mai serve ristabilire l’unità del Pd, pena lasciare il Paese in mano ai 5 stelle.

Sulle vaccinazioni interlocuzione con le regioni è la via da seguire

L’interlocuzione sull’obbligo vaccinale avviata proficuamente dal Ministero della Salute con le Regioni ai fini dell’accesso ai percorsi scolastici, e’ senza dubbio un’ottima notizia. E’ questa la via da seguire per rispondere rapidamente a quel preoccupante calo delle coperture registratosi negli ultimi anni. E’ da un anno che caldeggiamo la via dell’obbligo vaccinale per l’accesso alle…

Vaccini. Bene Toscana su obbligo per iscrizione ad asili. Radiazione per medici che li sconsigliano

La Giunta regionale toscana ha approvato ieri una proposta di legge nella quale si prevede che l’aver effettuato non solo le vaccinazioni obbligatorie, ma anche quelle raccomandate dal Piano nazionale prevenzione vaccinale, costituisca requisito per l’iscrizione ai nidi d’infanzia, ai servizi integrativi per la prima infanzia e alla scuola dell’infanzia (scuola materna). E’ questa la strada da seguire per la tutela della salute pubblica di tutta la comunità, ed in particolare per i bambini, soprattutto quelli più deboli. Vaccinare i bambini vuol dire proteggerli da tutte quelle malattie che possiamo dire di aver drasticamente ridotto negli ultimi decenni proprio grazie ai vaccini. E’ la stessa Oms a ricordare come ogni anno, proprio grazie ai vaccini, si riescano ad evitare 2,5 mln di morti. Solo quelle contro il morbillo hanno salvato ben 20 mln di bambini tra il 2000 ed il 2015. Nonostante ciò, purtroppo ancora oggi muoiono ogni giorno 400 bambini nel mondo per complicanze dovute al morbillo. Nel solo 2015 a causa di questa malattia hanno perso la vita complessivamente 134mila bambini.

Biorobotica. Congratulazioni a Dario, l’istituto del Sant’Anna resti a Pontedera e si continui ad investire nella ricerca

La vittoria del prestigioso premio RAS Pioneer Award del professore Paolo Dario, direttore dell’Istituto di Biorobotica del Sant’Anna di Pontedera, assegnato da IEEE Robotics and Automation nei giorni scorsi è soltanto l’ultimo di una serie di riconoscimenti internazionali che vede la conferma dell’istituto di Pontedera fra le eccellenze del settore. Un risultato che che non…

La Commissione parlamentare ha visitato il centro di accoglienza migranti di Cona

Il centro di accoglienza di migranti di Cona, in provincia di Venezia, non ha le condizioni minime per garantire un livello di accoglienza decente. E’ quanto emerso dall’ispezione effettuata oggi dalla commissione parlamentare d’inchiesta sui centri d’accoglienza (guarda qui le immagini). Vedere di persona aiuta a capire, il centro e’ composto di tensostrutture che sono studiate…

Migranti: l’8 febbraio il ministro Minniti ascoltato dalla Commissione d’inchiesta. Sia garantita la discontinuità rispetto ai problemi del passato

Ascolteremo il ministro Marco Minniti il prossimo 8 febbraio in audizione presso la Commissione parlamentare d’inchiesta sui migranti per confrontarsi su come il Governo intende attuare il nuovo piano di accoglienza annunciato le scorse settimane e valutare l’opportunità di ogni decisione. E’ bene dare un segnale forte di discontinuità rispetto al passato. Il tema deve…

Migranti, senza Ue impossibile risolvere emergenza

Il sistema di accoglienza adottato nel nostro Paese può essere sicuramente perfettibile e oggetto di riflessioni per risolvere le numerose criticità emerse, ma se, come ha ricordato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “L’Europa non comincia ad agire secondo un vincolo di vera solidarietà, ogni sforzo rischia di essere vano.L’Italia da sola non può affrontare…

LEA, finalmente il via libera, il 2017 inizia nel migliore di modi

Possiamo dire che il 2017 per la sanità italiana è iniziato nel migliore dei modi. Dopo l’approvazione in Senato del testo sul rischio clinico, ieri sera è arrivata la firma di Gentiloni sul decreto che emana i nuovi Livelli essenziali di assistenza con i quali vengono significativamente ampliate le prestazioni a carico del Servizio sanitario nazionale. ( Scarica qui le slide di sintesi del Ministero).  Dopo 16 anni di attesa vengono finalmente aggiornati gli standard di salute che lo Stato deve garantire ai cittadini con l’accesso a tutte le nuove prestazioni del SSN uniformate sul territorio nazionale. Il provvedimento prevede un consistente ampliamento dell’elenco delle malattie rare, grazie all’inserimento di più di 110 nuove entità e importanti revisioni sono apportate anche all’elenco delle malattie croniche. Tra i tanti aspetti, grazie ad un investimento complessivo di 800 milioni di euro annui, i nuovi LEA potranno riguardare 300 mila nuovi malati rari, 300 mila donne colpite da endometriosi, 300 mila pazienti con broncopneumopatia cronica.