NewsPrimo Piano

Di Maio prosegue la sua campagna elettorale sui vaccini nel segno dell’irresponsabilità. Al candidato del M5S sfuggono evidentemente alcuni concetti. Primo, è inutile inserire clausole sull’obbligo vaccinale in caso di epidemia. I vaccini non servono a curare bensì a prevenire le epidemie. Secondo, anche altri Paesi come il nostro, nei quali si sono registrati migliaia di casi di morbillo, hanno cambiato le loro politiche vaccinali introducendo o estendendo l’obbligo. Lo stesso ha fatto di recente anche la vicina Francia. Infine, la maggiore efficacia dell’obbligo rispetto alla semplice raccomandazione è stata ampiamente dimostrata dal modello California. Qui, in meno di due anni, l’introduzione dell’obbligo ha portato ad un aumento delle coperture vaccinali di 20-30 punti percentuali. All’opposto in Oregon, dove le vaccinazioni sono solo raccomandate, le coperture sono calate dal 95% al 30% dal 2000 ad oggi.