• Croce_Rossa_Italiana__2_

    Terremoto, serve piano straordinario sicurezza ospedali

    Il dramma che sta vivendo in queste ore il Centro Italia a seguito dei ripetuti eventi sismici che hanno devastato numerosi Comuni, richiama con forza l’attenzione dell’Esecutivo su questo tema. Il Governo con #italiasicura ha scelto la strada della prevenzione superando la logica delle emergenze in settori chiave quali il dissesto idrogeologico, le infrastrutture idriche e l’edilizia scolastica. Vi e’ pero’ ora la necessita’ di intervenire con un piano nazionale straordinario per la messa in sicurezza degli oltre 500 ospedali italiani a rischio crollo in caso di terremoto. Quanto avvenuto nella notte alla struttura di Amatrice e’ in tal senso emblematico. Gia’ nel 2013 la relazione conclusiva della Commissione parlamentare d’inchiesta sull’efficacia e l’efficienza del Ssn confermava l’allarmante dato dei 500 ospedali a rischio. Con una scossa sismica come quella registratasi la scorsa notte il 75 per cento degli edifici che sono stati verificati nel corso dei lavori condotti dalla commissione d’inchiesta, crollerebbe. Parliamo di strutture che, soprattutto in caso di gravi emergenze come queste, dovrebbero essere il punto di riferimento per le popolazioni locali. Non possiamo attendere nuove tragedie prima di dar risposta a questa emergenza. A tutto questo aggiungo, anche in qualita’ direttore della struttura fiorentina che si occupa di maxiemergenze sanitarie, che in molti ospedali italiani sono ancora carenti sia i piani di evacuazione che di massiccio afflusso. In tal senso sarebbe necessaria un’azione di monitoraggio e verifica.

  • Sollicciano

    Si trovi soluzione per bimba detenuta nel carcere di Firenze

    E’ opportuno trovare urgentemente una struttura sorvegliata, che non sia un carcere, in grado di ospitare la bimba di 18 mesi reclusa a Sollicciano insieme alla madre e che permetta alla bimba di crescere nel pieno rispetto della dignita’ umana. E’ quantomi auspico in merito alla vicenda che, secondo quanto riportato oggi dall’edizione fiorentina del Corriere della Sera, vede una bimba di un anno e mezzo vivere assieme alla madre nel carcere di Sollicciano di Firenze e che nei prossimi giorni ricevera’ il battesimo dal cappellano del carcere Don Vincenzo Russo. Crescere in queste condizioni rischia di compromettere irrimediabilmente la salute della bimba e di indirizzare la sua vita senza che quest’ultima abbia alcuna colpa. E’ opportuno un intervento anche a livello nazionale perche’ situazioni di questo genere non si verifichino piu’. Per questo presentero’ un’interrogazione al ministro Orlando per conoscere eventuali casi analoghi, ad oggi 46 in tutta Italia, e stabilire una procedura standard per evitare un loro ripetersi.

  • agguatop

    Migranti: agguato San Cono intollerabile xenofobia

    Condannare duramente e non sottovalutare  l’aggressione a un gruppo di profughi a San Cono, in provincia di Catania. Si tratta di un episodio di intollerabile xenofobia, che va condannato ma che deve essere spunto di una riflessione piu’ ampia sul clima di odio e diffidenza reciproca che sta vivendo il piccolo paese siciliano, dove gia’ da tempo sarebbero cominciate le scaramucce tra italiani e richiedenti asilo e dove quest’ultimo episodio sembra rappresentare soltanto la punta dell’iceberg di un’atmosfera di vendetta. Occorre  ristabilire un clima distensivo tra le due parti affinche’ si possa evitare un’escalation di scontri. Ci auguriamo che il giovane immigrato in rianimazione possa uscire al piu’ presto dal coma.

  • Federico Gelli (1)

    Dl Enti locali. Da Governo risposta concreta a vittime talidomide

    Finalmente, con l’approvazione definitiva del decreto legge sugli Enti locali da parte del Senato, e grazie all’emendamento approvato all’unanimità in commissione Sanità e Affari sociali, il Governo ha ampliato l’ambito dei soggetti beneficiari e stanziato quasi 4 mln di euro annui come indennizzo per le vittime del talidomide. Una doverosa risposta alle esigenze di chi ha avuto la disgrazia di nascere con malformazioni terribili come la focomelia e l’amimelia.

  • Doctor using digital tablet

    Lea. Via libera Mef ottima notizia. Con responsabilità professionale e riforma Ordini a settembre cambia il volto della sanità

    L’atteso via libera del Ministero dell’Economia all’aggiornamento dei Livelli essenziali di assistenza è un’ottima notizia. Finalmente si sblocca questa situazione di stallo e, già da settembre, potremo avere oltre all’aggiornamento dei Lea, anche il nuovo nomenclatore protesi ed il Piano nazionale vaccini.  Settembre sarà un mese cruciale. Ci attenderanno, infatti, anche gli ultimi passaggi parlamentari per il ddl sulla responsabilità professionale per il quale sono relatore in XII commissione alla Camera, e il ddl Lorenzin sulla riforma degli Ordini e le sperimentazioni cliniche. Con questi provvedimenti, a breve, potremo cambiare in meglio il volto della sanità italiana.

  • madia.it

    Con nuove regole selezione direttori generali più spazio a meritocrazie e garanzie per cittadini

    Con l’approvazione del dlgs della Legge Madia di riforma della Pubblica Amministrazione, al vertice delle Asl, delle Ao e degli Enti del Ssn potranno essere nominati solo soggetti che figurano all’interno di un Albo nazionale al quale si accede previa selezione pubblica. Si lascia così finalmente spazio alla meritocrazia allontanando la politica dalla scelta dei manager. I direttori generali dovranno ora dimostrare di saper svolgere bene il compito loro affidato. Il mancato raggiungimento degli obbiettivi prefissati sia in termini di bilancio che amministreranno, che soprattutto in termini di garanzia dei livelli essenziali di assistenza oltre che di trasparenza nei confronti dei cittadini, potrà infatti comportare la decadenza dall’incarico e l’esclusione dall’Albo nazionale. L’obiettivo è quello di affidare la gestione del Ssn alle migliori competenze per garantire sostenibilità al sistema e maggiori tutele in termini di assistenza per i cittadini.

Pagina 1 di 6312345...102030...Ultima »