• visita ospedali Marche

    Approveremo in tempi rapidi il provvedimento sul rischio clinico. Qui nelle Marche grande eccellenza

    Approveremo in tempi rapidi la legge sulla responsabilità professionale che permetterà ai tanti medici ed operatori del settore di lavorare con maggiore sicurezza e ai pazienti di vedere aumentate le loro tutele.  E’ stato questo uno dei fili conduttori della mia visita istituzionale oggi nella Marche. Ho avuto modo di visitare la A.O.U. Ospedali Riuniti “ di Ancona assieme ai parlamentari Emanuele Lodolini e al Presidente della Commissione Sanità della Regione Marche Fabrizio Volpini ed a Enzo Giancarli, Consigliere Regionale delle Marche e all’assessore Emma Capogrossi. La visita è stata guidata dalla Direzione della A.O.U., dal Dr. Serafini della Direzione Medica di Presidio. La delegazione ha visitato alcune delle tante eccellenze dell’Ospedale regionale quale la Pneumologia, diretta dal Prof. Stefano Gasparini, referente di livello europeo nella sua branca nonché il blocco operatorio del nosocomio. Continue Reading

  • IMG_8482

    Riforma Terzo Settore, momento storico

    E’ un momento storico per tutto il mondo del Terzo Settore. A due anni dall’approvazione delle linee guida per la riforma del Terzo Settore, il disegno di legge è stato finalmente approvato in via definitiva ieri sera dalla Camera in terza lettura. Un traguardo importantissimo per le migliaia di associazione del no profit e per i milioni di volontari che animano l’Italia, finora sguarnita di una vera regolamentazione sul Terzo Settore. Cambieranno molte cose, a partire dal servizio civile universale, esteso anche ai cittadini stranieri regolarmente residenti, e alla nascita dell’impresa sociale. Prevista la semplificazione della normativa fiscale e l’istituzione di misure di supporto, tra cui strumenti di finanza sociale e agevolazione delle donazioni. Il Terzo Settore era immobilizzato da troppi anni, con questa riforma sarà adesso più dinamico e maggiormente capace di rispondere alle reali esigenze dei cittadini e dei volontari.

  • a

    Ddl Lorenzin, grande soddisfazione per un provvedimento che modernizza la sanità

    Sono molto soddisfatto per l’approvazione in prima lettura da parte del Senato di un provvedimento in materia di riforma degli Ordini e sperimentazioni cliniche che un milione e duecento professionisti della sanità aspettano da quattordici anni. Si tratta di un importante legge che modernizza la nostra sanità ed unifica in un unico provvedimento le varie proposte di legge presentate in materia sia governativa che di maggioranza ed opposizioni. La riforma degli Ordini e la costituzione di nuovi Ordini professionali e Albi di professioni sanitarie, la ricerca clinica e la sperimentazione farmacologica, la medicina di genere, il parto indolore nei Lea, l’attenzione verso le persone più deboli con l’inserimento delle circostanze aggravanti per i delitti non colposi commessi in danno di persone ricoverate presso strutture sanitarie, sociosanitarie residenziali o semiresidenziali, permetteranno alla nostra sanità di fare un enorme passo in avanti. Ora  cercheremo di concludere il lavoro in tempi rapidi alla Camera.

  • Foto ANSA

    Austria, sollievo per vittoria Van der Bellen dopo paura nuovo muro in Ue

    La vittoria del candidato verde Van der Bellen in Austria sul leader populista, Norbert Hofer e’ sicuramente un grande sollievo dopo il timore di veder sorgere un altro muro in Europa. Mi auguro, dopo questo importante risultato, che il dialogo con il futuro governo austriaco in merito al tema dei migranti possa prendere una direzione costruttiva e basata sul rispetto dei diritti umani. ( foto Ansa).

  • IMG-20160518-WA010

    Occorre ripensare sistema di accoglienza, superando logica emergenza per approdare a strutture stabili

    Ripensare il sistema dell’accoglienza, per far questo è importante superare il paradigma dell’emergenza per approdare alla logica delle strutture stabili. In questo senso è giusto che si sia intrapresa la strada degli hotspot, come quello che ho visitato ieri a Trapani, perché così il sistema dell’accoglienza migranti parte subito con il piede giusto: più organizzato e più efficiente. La prima cosa da fare, infatti, è evitare quelle situazioni emerse nel recente passato, dove per la sola identificazione i migranti sono stati lasciati per decine di ore e in situazioni di disagio sulle banchine del porto. Detto questo gli hotspot però rappresentano un tassello di un sistema più complesso che va ulteriormente ripensato visto che stiamo parlando sempre di primissima accoglienza. Bisogna quindi potenziare e migliorare l’intera catena dell’accoglienza: è necessario quindi che funzioni il passaggio rapido nelle vere strutture di prima accoglienza e da lì procedere poi in quelle di seconda dislocate nei territori.

  • hotpost Trapani

    Gli hotspot siano centri di identificazione e non di permanenza

    Mercoledì 18 maggio guiderò una nuova delegazione della Commissione parlamentare d’inchiesta sui migranti in missione a Trapani per visitare l’hotspot, il sito dedicato all’identificazione dei migranti.Gli hotspot devono rimanere centri di identificazione e non trasformarsi in centri di permanenza rischiando di non essere in grado di assorbire il flusso di migranti che aumenterà nei prossimi mesi. Nello stesso giorno, presso la Prefettura di Trapani, si svolgeranno le audizioni del Prefetto, del Questore, del Sindaco di Trapani e del Procuratore della Repubblica e del Presidente della Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale. Per evitare questo rischio, sarà compito della commissione è monitorare l’efficienza di questi luoghi garantendo la massima semplificazione dei processi di identificazione ancora troppo lunghi. Continue Reading

Pagina 1 di 5712345...102030...Ultima »