• OLYMPUS DIGITAL CAMERA

    Discarica a Castelnuovo Val di Cecina. Situazione inaccettabile, serve fare chiarezza una volta per tutte

    Sono già passati cinque anni ma nonostante questo ancora non è chiara la reale situazione della discarica presente all’entrata del Comune di Castelnuovo Val di Cecina, con totale noncuranza del rischio per la salute dei cittadini costretti a convivere con ammassi di rifiuti, anche speciali, ancora non smaltiti. Per questo motivo ho presentato un’interrogazione ai ministeri dell’Interno dell’Ambiente per sollecitare nuovi controlli sulla condizione della rimessa e la sua conformità alle normative vigenti a tutela della salute dei cittadini.  Sono anni che le denunce dei cittadini sull’insostenibilità della situazione restano inascoltate. Nel 2012 l’area era già stata oggetto di un atto di sindacato ispettivo da parte dell’On. Realacci che aveva sollecitato l’intervento delle autorità preposte per gli appositi controlli. Siamo poi ancora in attesa di conoscere l’esito degli accertamenti effettuati da Arpat nel 2012 sulla natura dei rifiuti che il Comune nega di aver mai ricevuto e che Arpat afferma invece di aver inviato tramite posta certificata. E’ una situazione inaccettabile ed è diritto dei cittadini conoscere l’esito di quei controlli senza aspettare oltre. Il tempo dell’attesa è finito.

  • immagini

    Bene le parole di Gentiloni sui migranti, unità Ue unica strada per affrontare emergenza

    Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha giustamente ricordato la necessità di un impegno comune e concreto da parte di tutta l’Unione Europea nel farsi carico dell’accoglienza migranti. E’ questa l’unica strada percorribile per gestire una situazione che l’Italia da sola non può risolvere. Dopo tante parole è arrivato il momento di agire. Il tempo a disposizione si sta esaurendo e il nostro Paese non può andare avanti oltre. Chiediamo semplicemente all’Europa di fare l’Europa tenendo fede ai principi per cui è stata fondata. L’impegno comune deve essere quello di lavorare al fine di limare, nel tempo, tutte quelle differenze oggi esistenti tra Africa e Europa in modo da tenere sotto controllo il fenomeno migratorio. Per far questo e come emerso dal bilaterale di oggi, dobbiamo da subito lavorare per rendere stabile la situazione in Libia. Serve, infatti, la cooperazione della Libia per contrastare i trafficanti e riuscire, nel tempo, ad avere flussi gestibili e, sempre più, regolari.

  • 24-img-20170318-wa0006

    Pd, ora giusto il confronto, poi uniti per il futuro del Paese

    Siamo molto soddisfatti della grande partecipazione registrata sabato 18 marzo a Pisa alla presentazione della “Mozione Congressuale di Matteo Renzi” con il ministro Graziano Delrio. Il ministro  ha fatto un bellissimo intervento dimostrando coraggio e lungimiranza su come dobbiamo affrontare questa fase di transizione. Serve avere un progetto chiaro per disegnare il futuro del nostro Paese e appena conclusa la fase del confronto congressuale dobbiamo essere uniti per raggiungere gli obiettivi che ci siamo dati. ( foto tratta da Quinews Pisa)

  • immigrati_cie

    Trans al Cie nel reparto uomini. Intervenga il Governo, caso sarà portato in Commissione

    Adriana, trans brasiliana in Italia da 17 anni che, dopo aver perso il lavoro e il permesso di soggiorno, è rinchiusa da un mese nel reparto maschile del Cie di Brindisi. Il ministro Orlando e il ministro Minniti devono intervenire per fare tutto quanto il necessario per agevolare il trasferimento di questa persona, che si trova evidentemente in una situazione di rischio per la sua incolumità. Porterò la questione al prossimo ufficio di presidenza della Commissione migranti per capire quali strade sarà possibile intraprendere per risolvere al più presto questa situazione e vedere tutelata la dignità e i diritti di una persona che è arrivata nel nostro Paese con ben altre speranze e aspirazioni.

     

     

  • Federico Gelli - Reggio Emilia - 11 settembre1

    Pisa: blitz alla sede Pd. Il “riscatto” non si ottiene diventando vandali

    Oggi c’è stato un vero e proprio blitz da parte di alcuni soggetti incappucciati che hanno incollato fogli che componevano uno slogan titolato “E’ tempo di riscatto” sui muri della sede del Pd di Pisa.  Non credo che il riscatto si possa ottenere diventando dei vandali, ma credo piuttosto attraverso un confronto a cui il Partito Democratico non si è mai sottratto.  Diventa difficile però potersi confrontare con chi preferisce nascondersi sotto un cappuccio e dare sfogo a frustrazioni personali che poco hanno a che vedere con il senso di comunità e lo spirito di solidarietà che accomuna chi vive nel nostro Partito.

Pagina 1 di 7812345...102030...Ultima »